News

È imperativo far luce sulle cure e sugli sforzi spesso invisibili che i veterinari mettono nel creare una società sana e felice

Pubblicato il

In occasione della Giornata mondiale del veterinario 2024, sono stati pubblicati i risultati di un sondaggio condotto tra i veterinari di tutto il mondo per mostrare i livelli di apprezzamento percepiti per la professione veterinaria.

Il Going Beyond Survey 2024 è stato condotto da Kynetec per conto di Boehringer Ingelheim e mirava a presentare approfondimenti sui livelli percepiti di apprezzamento per la professione veterinaria.

Dal sondaggio è emerso che solo il 49% dei veterinari ritiene che il proprio lavoro sia apprezzato.

“Capire le ragioni per cui i veterinari ritengono che la loro professione sia sottovalutata, sensibilizzare sugli aspetti spesso invisibili e complessi del lavoro veterinario e, soprattutto, mostrare ai professionisti veterinari che riconosciamo il loro lavoro essenziale, è un primo passo importante”, afferma Fabio Paganini, membro del Comitato Esecutivo Globale per la Salute Animale di Boehringer Ingelheim. “Essendo io stesso un veterinario, so che c’è così tanto da amare in questo lavoro. Insieme, possiamo mostrare la dedizione incessante, la compassione genuina e il know-how scientifico necessari per lavorare come veterinario. È davvero una vocazione a cui aspirare”.

All’indagine, condotta a marzo, hanno partecipato 1.056 veterinari di animali da compagnia, bestiame ed equini provenienti da Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Francia, Brasile e Germania (purtroppo l’Italia non c’è, n.d.r.). I livelli percepiti di apprezzamento per la professione erano relativamente coerenti tra i principali tipi di team veterinari: solo il 48% di quelli focalizzati sugli animali domestici (cani e gatti), il 55% di quelli del bestiame e il 42% dei professionisti veterinari equini  hanno riferito che la loro professione era apprezzata. Nonostante il 75% degli intervistati abbia riferito di sentirsi apprezzato “personalmente” dalla propria base di clienti.

Inoltre, gli intervistati hanno espresso la convinzione che i loro clienti personali apprezzano il loro “livello di competenza” (66%), la “capacità di affrontare dilemmi etici (inclusa l’eutanasia)” (61%) e il fatto che “forniscono un’ampia varietà di cure” (57%). Tuttavia, l’indagine ha anche rivelato che i clienti non sempre hanno piena consapevolezza di quanto i veterinari si adoperino per fornire assistenza.

Dei partecipanti, il 49% ritiene di essere sottovalutato dai clienti quando si tratta di comprendere la “resilienza allo stress e all’esaurimento emotivo” richiesti dal lavoro, con il 48% che riferisce di sottovalutare il fatto di “lavorare nonostante si senta fisicamente esausto” e il fatto che modo in cui “scambiano il loro equilibrio tra lavoro e vita privata per aiutare gli animal

Boehringer Ingelheim, insieme alla Word Small Animal Vet Association (WSAVA), alla World Association for Buiatrics (WAB), tra le altre organizzazioni, stanno lavorando insieme per aiutare i veterinari, iniziando con la dimostrazione della compassione professionale veterinaria e della dedizione al benessere degli animali, evidenziando al contempo gli aspetti spesso invisibili delle cure veterinarie.

“Non dovremmo stare in silenzio mentre i nostri colleghi lasciano il ring a causa dello stress e del burnout”, dice la dottoressa Ellen Van Nierop, presidente della WSAVA. “I veterinari sono professionisti eccezionali, che svolgono un ruolo essenziale nel mantenimento e nel miglioramento diretto della salute e del benessere degli animali e, indirettamente, dell’intera società. È imperativo far luce sulle cure e sugli sforzi spesso invisibili che i veterinari mettono nel creare una società sana e felice”.

“Celebrando l’essenziale lavoro dietro le quinte svolto dai veterinari, possiamo aiutarli a sentirsi visti e apprezzati in modo che, si spera, mantengano la loro passione per la cura degli animali il più a lungo possibile”, aggiunge il Prof. Arcangelo Gentile, presidente della WAB, affermando La Giornata mondiale del veterinario 2024 (27 aprile) rappresenta “l’occasione perfetta per aumentare la consapevolezza di ciò che realmente accade dietro le porte delle cliniche, degli allevamenti e delle stalle”.

 

Articolo completo sul sito Boehringer Ingelheim.